Crea sito
flags

LE CHIESE STORICAMENTE IMPORTANTI

(Escluso il Duomo di San Marco che potete trovare cliccando qui)

 

 

 

chiesa del cristo

CHIESA DI S.MARIA DEGLI ANGELI - Situata in Piazza Pescheria

 

Conosciuta come Chiesa del Cristo, la chiesa è stata eretta nel 1309 dalla confraternita dei battuti quale cappella dell'ospedale.

Negli anni ha subito vari rimaneggiamenti, i più notevoli sono quelli del Settecento e dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Di grande importanza il portale maggiore della Scuola del Pilacorte (1510), gli interessanti lacerti di affresci trecenteschi tra cui il Cristo della Domenica, sulla parete sinistra, con simboli dei mestieri da abbandonare nel giorno dedicato a onorare il Signore, ed un grande crocefisso in legno con fondale dipinto con paesaggio veneto-fiammingo.

 

 

 

CHIESA DELLA SS. TRINITA' - Situata oltre il ponte di Adamo ed Eva, al di là del fiume Noncello, proprio fuori dell'antica porta Furlana che si affacciava sul fiume e sul porto chiesa della santissima trinitàfluviale, la Ss. Trinità è una delle chiese più belle di Pordenone appartenente all'età moderna, un piccolo scrigno nel quale si uniscono la fede delle antiche genti della città, una raffinata architettura e un sontuoso ciclo pittorico ad affresco, un tempo ulteriormente impreziosito dalla pala della Santissima Trinità, posta sull'altare maggiore. La sua nascita è legata alla Confraternita della Santissima Trinità, detta "la rossa" per il colore delle sue vesti di coro, confraternita legata ai Trinitari e dedita soprattutto alla redenzione e al riscatto dei prigionieri in mano ai turchi, oltre che alle opere assistenziali. Attività ampiamente richiamate nel ciclo degli affreschi (vendita di Giuseppe da parte dei fratelli, Mosè dinanzi al Faraone, seppellimento di un defunto). Essa riuniva soprattutto esponenti del ceto professionale, come uomini di legge, notai, medici, e proprio uno di questi professionisti affratellati, Ippolito Marone, sacerdote, notaio e architetto appartenente a una ragguardevole famiglia cittadina, volle progettare la chiesa confraternale. Essa sorse nel secondo quarto del XVI secolo sulle rive del Noncello, in prossimità del porto fluviale, probabilmente sfruttando una preesistente cappellina. Ebbe pianta ottagonale, con tre absidi ed elegante campanile legato al lato di facciata, anch'esso a pianta ottagona. La macchina architettonica è in cotto.

I confratelli vollero che la loro chiesa fosse validamente affrescata e commissionarono il lavoro per l'abside (1555) a Giovanni Maria Zaffoni detto il Calderari (morto nel 1563), appartenente alla scuola del Pordenone, che s'applicò con risultati apprezzabili al ciclo di scene del Vecchio Testamento (dalla creazione dell'universo alla vendita di Giuseppe). Nelle cappelle laterali spiccano affreschi dell'Ascensione (abside sinistra) e della Trasfigurazione, d'impianto raffaellesco (abside destra), che vengono attribuite (con certezza, però, soltanto la seconda) a Pomponio Amalteo (1505-1588), genero del Pordenone e suo principale prosecutore.

L'opera di decorazione proseguì nel XVII secolo, con l'erezione di sovrastrutture barocche agli altari e la commissione a Gaspare Narvesa (1558-1639) della pala raffigurante la Santissima Trinità (1611), destinata all'altar maggiore. Ne risultò un piccolo capolavoro di raffinato schema teologico applicato con rara efficacia a una macchina pittorica.

Ragioni di sicurezza e di conservazione hanno costretto a traslare la pala presso il Civico museo d'arte di Palazzo Ricchieri.

La piccola chiesa, a causa della sua dislocazione, è, infatti, soggetta alle rabbiose piene del vicino Noncello che più volte nella sua secolare storia l'ha attaccata, lasciandone impietose piaghe.

Il portale d'ingresso conserva tre tacche incise in occasioni di altrettante devastanti alluvioni ed indica il livello raggiunto dall'acqua.

Negli anni cinquanta essa è stata oggetto di un radicale restauro, in vista della sua dedicazione quale sacrario ai caduti di guerra.

 

 

 

chiesa di san giorgioCHIESA DI SAN GIORGIO MARTIRE - Situata in Largo San Giorgio

Chiesa in stile Neoclassico, ingrandita nel 1625 e totalmente rifatta su progetto di Giovanni Battista Bassi da Pordenone tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, colpisce subito per il suo singolare campanile a forma di colonna dorica in pietra d'Istria bianca scanalata, sovrastata da una gigantesca statua di S.Giorgio.

Anche la facciata della chiesa, tripartita da quattro semicolonne è di Giovanni Battista Bassi.

All’interno della chiesa, a navata unica, troviamo al secondo altare destro "i Ss. Lucia, Paolo e Sebastiano", opera del Grigoletti (1857), sempre sua opera al secondo altare sinistro, troviamo "La Sacra famiglia".

Nella cappella del Santo Sepolcro, bel Cristo cinquecentesco di grandezza naturale in cartapesta.

Infine l'altare maggiore contiene una tela attribuita a Gasparo Nervesa con S.Giorgio che uccide il drago (secolo XVII).

 

 

 

 

 

 

2014 All Right Reserved

I contenuti multimediali sono di proprietà esclusiva di Luca Serafino.

E' vietata la riproduzione anche parziale senza mia autorizzazione.

 

Credits - Sitemap

skype

google +

linkedin
email

youtube